Italy | Select another site to see content specific to your location Change site

Website select
Global United Kingdom Czech Republic Romania Belgium Italy Macedonia
  • Aprile 7, 2020
  • News

GFG Alliance completa la sua revisione strategica di 100 giorni di LIBERTY Magona e pianifica € 100 milioni in investimenti strategici

  • € 100 milioni di investimenti a lungo termine per trasformare LIBERTY Magona in un fornitore leader di prodotti in acciaio rivestito
  • Importanti investimenti nelle linee di zincatura e verniciatura dell’azienda
  • Impegno ad avere emissioni zero entro il 2030 (“CN30”)

A seguito del completamento della Revisione Strategica dei 100 giorni, GFG Alliance ha annunciato oggi l’intenzione di trasformare LIBERTY Magona in un fornitore leader di prodotti in acciaio rivestito e iniziare il suo viaggio verso zero emissioni. Il pacchetto di investimenti da € 100 milioni include piani per l’upgrade delle linee di zincatura e verniciatura dello stabilimento, che miglioreranno la competitività dell’azienda.

Commentando l’annuncio, Sanjeev Gupta, Presidente esecutivo di GFG Alliance, ha dichiarato: “Attraverso questo sostanziale pacchetto di investimenti stiamo preparando LIBERTY Magona a diventare un fornitore leader di prodotti in acciaio rivestito e iniziare il suo viaggio verso zero emissioni di carbonio, che intendiamo raggiungere entro il 2030.  Il nostro obiettivo è fare importanti miglioramenti che estenderanno in modo significativo l’offerta dei nostri prodotti. La nostra strategia assicurerà a LIBERTY Magona maggiore competitività e sostenibilità a lungo termine, in modo che si possa reinvestire e continuare a richiedere e fornire un’occupazione locale di alta qualità per le generazioni a venire.”

Attraverso questi investimenti, LIBERTY Magona ripristinerà la redditività a lungo termine dello stabilimento aumentando i suoi volumi di prodotti pre-verniciati e zincati per mezzo di un potenziamento della sua forza commerciale. Investirà inoltre nelle linee di zincatura e verniciatura dello stabilimento, il che renderà l’azienda più competitiva e consentirà di entrare nei nuovi mercati dell’Europa occidentale.

Giovanni Carpino, Managing Director di LIBERTY Magona, ha dichiarato: “È stato un momento di cambiamento e crescita per tutti nel nostro business, poiché abbiamo lavorato duramente per sviluppare un piano aziendale sostenibile affrontando le significative difficoltà a breve termine del mercato e integrandoci con l’attività siderurgica mondiale di Liberty. Sono stato molto colpito dall’impegno di tutti qui in LIBERTY Magona e non vedo l’ora di lavorare con i nostri preparati e motivati colleghi per rendere il nostro stabilimento un fornitore leader di prodotti in acciaio rivestito. ”

GFG Alliance, da quando ha acquisito l’attività nel luglio 2019, ha fornito a LIBERTY Magona un significativo sostegno finanziario e risorse di alto livello che hanno portato a una serie di miglioramenti operativi, tra cui la ristrutturazione e il riavvio della linea di decapaggio precedentemente chiusa.

L’azienda ha inoltre implementato programmi innovativi per consentire ai dipendenti e al management di collaborare tra loro per identificare le opportunità e attuare il cambiamento.

Neil Barrell, Global Chief Operating Officier di GFG Alliance, ha dichiarato: “Da quando abbiamo acquisito l’attività nel luglio dello scorso anno, abbiamo lavorato a stretto contatto con il team di LIBERTY Magona per comprendere nel dettaglio l’attività e implementare una serie di iniziative, dal riavvio della linea di decapaggio all’identificazione di opportunità per installare schemi di miglioramento energetico. Questi cambiamenti insieme al programma di investimenti strategici che annunciamo oggi, miglioreranno notevolmente le nostre prestazioni operative e contribuiranno a realizzare i nostri progetti a emissioni zero. Non vedo l’ora di lavorare con Giovanni e il suo team per contribuire a realizzare il potenziale di Liberty Magona “.

LIBERTY Magona continua la sua integrazione nel business internazionale di LIBERTY Steel Group, che ora copre 200 sedi produttive in 10 paesi, rendendola l’ottava compagnia siderurgica più grande al mondo, esclusa la Cina.