Italy | Select another site to see content specific to your location Change site

Website select
Global United Kingdom Czech Republic Romania Belgium Italy Macedonia
  • Giugno 11, 2020
  • Generale

Liberty Magona si aggiudica due aree portuali

Con la conclusione del bando di gara per l’assegnazione delle nuove aree portuali di Piombino, per Liberty Magona si apre una fase nuova, connotata da investimenti in settori non prettamente riferiti all’attività siderurgica.

Liberty Magona ha avuto infatti il secondo e terzo lotto dei terreni del bando per un totale di 120 mila metri quadrati.

Il progetto di Liberty Magona prevede di sviluppare un terminal ben inserito nei circuiti del commercio internazionale, in grado di fungere da Hub nel Mediterraneo, utilizzando il transhipment via mare, e verso le diverse direttrici continentali, attraverso i collegamenti ferroviari a media e lunga distanza.

Il piano d’intesa si caratterizza nella volontà di rendere tale polo logistico funzionale allo scambio intermodale di una pluralità di prodotti inseriti in flussi commerciali nazionali, continentali e intercontinentali. Questo nuovo terminal internazionale, dotato di soluzioni impiantistiche e di attrezzature di ultima generazione, di elevata capacità portante e flessibilità d’impiego, sarà gestito attraverso una pluralità di innovazioni tecnologiche e digitali coerenti con gli indirizzi strategici dell’Autorità Portuale, avvalendosi dell’università del Centro di Servizi del Polo Universitario “Sistemi logistici” dell’università di Pisa.

Tutto ciò fornirà un grande beneficio commerciale e socio-economico al porto e al territorio, attraverso le opportunità che le nuove relazioni commerciali potranno assicurare ai fini dell’esportazione e importazione di prodotti, con una attenzione allo sviluppo delle imprese del territorio, con le quali Liberty Magona intende sviluppare relazioni sinergiche.

La gestione dei processi logistici terrà in grande considerazione la sostenibilità ambientale per conseguire l’obiettivo di zero emissioni di CO2 in linea con la politica del Gruppo GFG Alliance, del quale Liberty Magona fa parte, e con l’applicazione dei principi ambientali promossi dall’Unione Europea.

Il progetto è quindi mirato alla creazione di valore verso tutti gli stakeholders coinvolti dal progetto, in primo luogo a favore di Liberty Magona e dell’Autorità di Sistema Portuale, nell’intento di contribuire a concretizzare gli indirizzi strategici lungo l’intero orizzonte temporale determinato dalla durata richiesta per la concessione (30 anni).

Nei prossimi giorni, non appena saranno verificati i requisiti dichiarati, l’Autorità di Sistema Portuale procederà all’assegnazione dei lotti, individuando l’interlocutore con il quale intraprendere il percorso amministrativo per la concessione, in cui stabilire tempi e modi per l’insediamento. I progetti dovrebbero essere operativi entro il 2023, un arco di tempo compatibile con la realizzazione della strada di collegamento diretto alle nuove aree, e quando saranno completati anche i lavori della nuova banchina.